Prestito cambializzato: come richiedere il finanziamento

prestito cambializzato

 

Il prestito cambializzato consente di ottenere in tempi veloci il finanziamento di cui si ha bisogno. Ma come funziona in particolare e come richiederlo? Si tratta di un prestito con le cambiali, di cui possono usufruire i lavoratori autonomi, i dipendenti e i disoccupati senza busta paga. Nel primo caso si devono presentare i documenti che riguardano il proprio reddito e si deve sottoscrivere una polizza assicurativa. Nel secondo caso si deve presentare anche il Tfr e i disoccupati possono presentare la proprietà di immobili o l’assicurazione tramite un garante. I prestiti con cambiali possono essere erogati da banche, agenzie finanziarie o cittadini privati.

Come funziona il prestito cambializzato

Il prestito con cambiali prevede la restituzione del finanziamento attraverso un sistema a rate con cambiali. Il beneficiario del prestito è tenuto a firmare proprio le cambiali, ciascuna delle quali ha una data di scadenza entro la quale una rata del debito deve essere chiusa. Il tasso di interesse è generalmente superiore a quello degli altri prestiti e l’importo finanziato deve essere compreso tra i 2.500 e i 60.000 euro. I tempi per la restituzione dei soldi devono rientrare fra i 12 e i 120 mesi.

La cambiale è un titolo esecutivo e per mezzo di essa il creditore può pignorare i beni del debitore se quest’ultimo non restituisce il denaro ricevuto. Il prestito cambializzato, quindi, può essere concesso soltanto se si è possessori di proprietà pignorabili.

Uno dei vantaggi di questo tipo di prestito è il fatto che ne possono usufruire anche i cattivi pagatori o i soggetti protestati. Il prestito con cambiali infatti non implica che ci sia un’indagine sulla situazione economica e debitoria di colui che lo richiede. Per cui possono ottenere tali prestiti anche coloro che sono stati segnalati alla banca dati consultabile col database degli istituti di credito.

Nel caso in cui non avviene la restituzione di una rata, si può richiedere il pignoramento dei beni senza avere un decreto ingiuntivo. Ecco perché tutto ciò rappresenta una garanzia che spinge gli erogatori a fornire i finanziamenti di solito in un tempo molto rapido, dalle 24 alle 48 ore. Le cambiali, però, non possono essere estinte anticipatamente, hanno cadenza mensile e non possono essere pagate né tramite bollettini né direttamente dal proprio conto corrente, nemmeno quello on line. Le cambiali devono essere pagate soltanto ad uno sportello bancario.

Come richiedere un prestito cambializzato

Rivolgendosi ad una banca o ad un istituto privato di finanziamento, il soggetto richiedente, per usufruire di un finanziamento cambializzato, deve produrre una domanda, alla quale devono essere allegati:

  • copia del documento di identità;
  • copia del codice fiscale;
  • copia del TFR e dell’ultima busta paga se si è lavoratori dipendenti;
  • firma di un garante nel caso dei disoccupati;
  • spesso la sottoscrizione di una polizza assicurativa sulla vita;
  • modello CUD (per lavoratori dipendenti);
  • modello Unico (per lavoratori autonomi).

I nostri partner

Istituti presenti su internet con offerte legate a prestiti e finanziamenti.
(L’elenco è indicativo e non esaustivo, non tutte le finanziarie hanno una relazione con Finanziamenti.it)

Triboo Media s.r.l. (società socio unico) - Viale Sarca 336 - Edificio 16, 20126 Milano (MI) Cap. Soc. 1.250.000,00 euro i.v. - P.IVA, C.F. e CCIAA di Milano IT06933670967 - REA MI-1924178 tel. +39 02 64741433 - fax +39 02 64741494 Società sottoposta alla direzione e coordinamento di Triboo Spa - all rights reserved - Viale Sarca 336, Edificio 16 - 20126 - MILANO (MI) - Capitale Sociale Euro 28.740.210,00 i.v. . P.IVA 02387250307 - codice fiscale e numero iscrizione al registro delle imprese CCIAA MI: 02387250307.
Managed by Leadoo S.r.l.