Cessione del quinto pensionati: caratteristiche e limitazioni

cessione del quinto pensionati

La cessione del quinto è ad oggi una delle tipologie di prestito a tasso fisso più richieste, che risulta particolarmente comoda perché la rata viene trattenuta a monte dallo stipendio o dalla pensione, non pesando eccessivamente sulle proprie economie grazie al fatto che viene prelevato solo fino a un quinto del netto percepito, per l’appunto. Con questa modalità, è possibile richiedere fino a € 75.000, che dovranno essere rimborsati entro dieci anni. A richiederla possono essere dipendenti (statali o privati a tempo indeterminato) o pensionati. In quest’ultimo caso, tuttavia, vi sono alcune condizioni da rispettare affinché si possa ottenere il finanziamento. Analizziamole insieme.

Chi può (o non può) richiedere la cessione del quinto

Per diverse ragioni l’investimento su un pensionato, dal punto di vista della finanziaria, è più rischioso. Di conseguenza, nonostante si applichino tassi agevolati per favore l’utilizzo di certi strumenti anche a questa categoria di persone, è necessario porre dei limiti per arginare i rischi della banca.

In primo luogo, si tende a dare vincoli riguardo all’età. Il più delle volte un anziano di oltre 75 anni si vedrà rifiutata la cessione del quinto poiché l’aspettativa di vita tende a ridursi; di regola, infatti, il finanziamento può avere una durata massima di dieci anni ed è molto difficile che la banca conceda un prestito a chi, al termine del rimborso, abbia superato gli 85 anni.

Allo stesso tempo, è pur vero che i pensionati di oggi non godono di retribuzioni elevate ed è bene assicurare una cifra minima per il dipendente a riposo, che gli permetta di sopravvivere durante il mese. Per tale ragione, non vengono concesse cessioni del quinto a chi percepisce la cosiddetta pensione minima; generalmente, possono richiedere questo tipo di prestito solo coloro che, al netto dell’eventuale cessione, percepiscono più di € 500 netti mensili. Le pensioni sono poi cumulative: chi ne percepisce più di una potrà richiedere un prestito con cessione del quinto se il netto risultante dalla somma delle varie pensioni supererà la suddetta cifra.

Infine, vi sono delle limitazioni circa la tipologia di pensione percepita: non tutte, infatti, sono valide ai fini della concessione del prestito. Come è ovvio, non vi è nessun problema per quanto riguarda i pensionati INPS, ex INPDAP ed ex ENPALS. Al contrario, chi percepisce l’invalidità, l’assegno sociale, prestazioni di esodo, l’assegno familiare, di sostegno al reddito o pensioni contitolate (per ciò che riguarda la parte spettante all’altra persona) non può avere accesso alla cessione del quinto.

Tassi massimi applicabili

Come è noto, la cessione del quinto per i pensionati è una tipologia di finanziamento che gode in molti casi di tassi agevolati proprio perché interessa una fascia della popolazione più debole rispetto a quella dei lavoratori.

Nel 2017 l’INPS ha modificato i tassi massimi applicabili alle cessioni del quinto per i pensionati in base al reddito pensionistico percepito. Se prima lo spartiacque era € 5.000, ora la nuova linea discriminante è € 15.000. Per assegni fino a tale cifra, il tasso più alto va dall’8,6% per pensionati fino a 59 anni fino all’11,7% applicato a chi ha 79 anni, con scaglioni ogni 5 anni; oltre ai € 15.000, i tassi si abbassano leggermente, da un minimo del 7,71% fino ad un massimo del 10,81%.

Le Banche convenzionate

Non tutte le banche e le finanziarie sono abilitate ad offrire ai propri clienti la cessione del quinto della pensione a tassi agevolati. Di seguito potete trovare l’elenco completo degli istituti di credito che erogano tale servizio in quanto convenzionati con l’Istituto Nazionale di Previdenza Sociale.

Istituti di credito convenzionati INPS
Banca Di Sassari
M3 Prestitichiari
Agos Ducato
Mediocredito Europeo
Fincontinuo
Cap.Ital.Fin
Libra Finanziaria
Adv Finance
Profamily
Intesa Sanpaolo
Vivi Bancaex Banca Crediter
Eurocqs
Spefin Finanziaria
Bnl Finance Rti Poste Italiane
Dynamica Retail
IBL Banca
M.C.Family
Deutsche Bank
Fides Ente Commissionario
We Finance
Credem
Banca Popolare Pugliese
Futuro
Figenpa
Pitagora
Banca Privata Leasing
Centro Finanziamenti
Consel
Fide
Prestitalia
Cassa Maurizio Capuano
Finanziaria Familiare
Santander Consumer Bank
Imprebanca
Italcredi
Primeitalia
F.L.A.
Unicredit Banca
Creditis Servizi Finanziari-Creditis
Siriofin
Prestinuova
Atlantide
Sigla
Conafi Prestito (già Conafi)
Races Finanziaria
Findomestic Banca
Cassa Depositi E Prestiti
Compass Banca
Istituto Finanziario Europeo
Fiditalia

I nostri partner

Istituti presenti su internet con offerte legate a prestiti e finanziamenti.
(L’elenco è indicativo e non esaustivo, non tutte le finanziarie hanno una relazione con Finanziamenti.it)

Triboo Media s.r.l. (società socio unico) - Viale Sarca 336 - Edificio 16, 20126 Milano (MI) Cap. Soc. 1.250.000,00 euro i.v. - P.IVA, C.F. e CCIAA di Milano IT06933670967 - REA MI-1924178 tel. +39 02 64741433 - fax +39 02 64741494 Società sottoposta alla direzione e coordinamento di Triboo Spa - all rights reserved - Viale Sarca 336, Edificio 16 - 20126 - MILANO (MI) - Capitale Sociale Euro 28.740.210,00 i.v. . P.IVA 02387250307 - codice fiscale e numero iscrizione al registro delle imprese CCIAA MI: 02387250307.
Managed by Leadoo S.r.l.