Cambiare banca per risparmiare sul mutuo: la surroga

surroga mutuo

La surroga del mutuo o portabilità, permette di trasferire il proprio mutuo da una banca a un’altra e di modificarne, nel passaggio, i parametri (il tipo di tasso – fisso o variabile – lo spread e la durata), ottenendo un risparmio sui costi – anche in riferimento alle spese periodiche – rispetto a quanto si era contrattato con la banca di provenienza.
Con la surroga del mutuo, si può, in sostanza, accendere un nuovo mutuo, utilizzando l’ipoteca originaria del mutuo vecchio.
La surroga del mutuo trova fondamento nell’articolo 1202 del Codice Civile (“Surrogazione per volontà del debito”), ma, di fatto, è solo con l’articolo 8 della legge Bersani del febbraio 2007 (Legge 40/2007) e con il successivo articolo 2 comma 450 della Legge n.244 del 24 dicembre 2007 (Legge Finanziaria 2008) che il procedimento prende piede presso il grande pubblico, grazie a una sostanziale semplificazione di oneri e procedure.
Secondo le disposizioni dell’art. 8 co. 3 L. 40/2007 sono nulle le clausole contrattuali che impediscono e rendono oneroso per il cliente il passaggio del mutuo a una banca diversa da quella presso cui si era inizialmente stipulato, come pure quelle relative a spedizioni e predisposizione dell’accordo.
Sempre in base alle disposizioni normative, non possono essere imposte al cliente spese o commissioni per la concessione del nuovo mutuo, per l’istruttoria e per gli accertamenti catastali, che si svolgono secondo procedure di collaborazione interbancaria improntate a criteri di massima riduzione dei tempi, degli adempimenti e dei costi connessi. Nessuna penale, infine, deve essere pagata per l’estinzione anticipata o parziale del mutuo. Sarà la banca subentrante a farsi carico dei costi, delle spese e di tutti gli oneri relativi alla surroga del mutuo.
La legge, in sostanza, ha sancito la gratuità della surroga e ne ha garantito il diritto da parte del mutuatario.
La surroga, con tutte le sue agevolazioni di costo, si può ottenere esclusivamente sull’importo residuo ancora da rimborsare anche se sono molte le banche che aggirano questa limitazione erogando, oltre al mutuo di surroga, un secondo mutuo di “liquidità”.
Ecco qualche esempio di rata di un mutuo di surroga ventennale su un importo residuo di 55 mila euro per l’acquisto di un immobile del valore di 100 mila euro.

Intesa San Paolo – Mutuo Domus Fisso

Rata mensile da 274,35 euro con TAN Fisso: 1,85% – TAEG 1,99%
Nessuna spesa di istruttoria o perizia.

BNL (Gruppo BNP Paribas) – Trasformamutuobnl

Rata mensile da 278,24 euro con TAN Fisso 2,00% – TAEG 2,06%
Nessuna spesa di istruttoria o perizia.

Banco di Sardegna – Mutuo con surroga – Tasso fisso

Rata mensile da 278,24 euro con TAN Fisso 2,00% – TAEG 2,13%
Nessuna spesa di istruttoria o perizia.

Unicredit – Mutuo Valore Italia con limite minimo di tasso – Surroga

Rata mensile da 282,42 euro con TAN Fisso 2,16% – TAEG 2,25%
Nessuna spesa di istruttoria o perizia.

UBI Banca – Mutuo a tasso fisso

Rata mensile da 284,79 euro con TAN Fisso 2,25% (IRS + 0,85%)- TAEG 2,35%
Nessuna spesa di istruttoria o perizia.

 


Immagine: franchise opportunities via Flickr

I nostri partner

Istituti presenti su internet con offerte legate a prestiti e finanziamenti.
(L’elenco è indicativo e non esaustivo, non tutte le finanziarie hanno una relazione con Finanziamenti.it)

Triboo Media s.r.l. (società socio unico) - Viale Sarca 336 - Edificio 16, 20126 Milano (MI) Cap. Soc. 1.250.000,00 euro i.v. - P.IVA, C.F. e CCIAA di Milano IT06933670967 - REA MI-1924178 tel. +39 02 64741433 - fax +39 02 64741494 Società sottoposta alla direzione e coordinamento di Triboo Spa - all rights reserved - Viale Sarca 336, Edificio 16 - 20126 - MILANO (MI) - Capitale Sociale Euro 28.740.210,00 i.v. . P.IVA 02387250307 - codice fiscale e numero iscrizione al registro delle imprese CCIAA MI: 02387250307.
Managed by Leadoo S.r.l.