Microcredito 5 Stelle: come funziona

microcredito 5 stelle

Il microcredito 5 Stelle è una possibilità di finanziamento che viene offerta alle microimprese o ai lavoratori autonomi con partita Iva che hanno il bisogno di ottenere delle somme di denaro con l’obiettivo di aprire un’attività oppure che possiedono un’attività da massimo 5 anni. Nello specifico si vuole dare un sostegno ai professionisti considerati appartenenti a delle fasce più deboli, perché non possono disporre delle garanzie tradizionali. Le somme di denaro vengono erogate da diversi operatori, come Poste Italiane, ma anche istituti di credito e intermediari finanziari.

Come funziona il microcredito 5 Stelle

Una parte dei soldi proviene direttamente dallo Stato, che ogni anno dà un contributo pari a 30 milioni. Un’altra parte dei fondi inoltre è costituita dai soldi che vengono accumulati grazie al taglio degli stipendi dei parlamentari del Movimento 5 Stelle. Si tratta in particolare di circa 10 milioni. Viene costituito un fondo rotativo. Questo significa che si possono mettere a disposizione nuovi finanziamenti solo nel momento in cui vengono restituiti gli altri concessi precedentemente.

Per il suo funzionamento, questa forma di prestito è simile al microcredito a livello regionale o statale. Non è una forma di finanziamento diretta, perché le somme di denaro non vengono concesse direttamente dal fondo di garanzia. Le cifre sono erogate dalle banche, che possono contare su una garanzia attraverso lo stesso fondo.

A chi è rivolto il finanziamento

Questa forma di finanziamento è rivolta alle imprese che hanno un numero limitato di dipendenti. Ci sono delle categorie di lavoratori che vengono escluse dalla possibilità di richiedere il microcredito. Si tratta in particolare di:

  • lavoratori autonomi o imprese con partita Iva da più di 5 anni;
  • lavoratori autonomi o imprese con più di 5 dipendenti;
  • società con un numero di dipendenti non soci superiore a 10;
  • società con un attivo superiore ai 300.000 euro o un ricavo lordo in un anno superiore a 200.000 euro;
  • soggetti indicati come cattivi pagatori.

Come richiedere il finanziamento

Per la richiesta del finanziamento è necessaria una procedura ben precisa, che prevede la messa a punto di un piano imprenditoriale. Ecco le fasi da rispettare:

  • bisogna presentare ad un consulente del lavoro un piano imprenditoriale per verificare la presenza dei requisiti previsti dalla legge;
  • è necessario compilare l’apposita domanda attraverso il sito del Ministero dello Sviluppo Economico;
  • con la ricevuta della domanda bisogna andare presso un operatore del credito entro 5 giorni dalla presentazione della domanda.

Per presentare la richiesta bisogna avere a disposizione alcuni documenti: la copia della carta d’identità e del codice fiscale, la certificazione della partita Iva, il certificato di iscrizione CCIAA, il libro unico del lavoro e gli ultimi tre bilanci. Con il finanziamento in questione si possono ottenere massimo 25.000 euro per ogni richiedente.

I nostri partner

Istituti presenti su internet con offerte legate a prestiti e finanziamenti.
(L’elenco è indicativo e non esaustivo, non tutte le finanziarie hanno una relazione con Finanziamenti.it)

Triboo Media s.r.l. (società socio unico) - Viale Sarca 336 - Edificio 16, 20126 Milano (MI) Cap. Soc. 1.250.000,00 euro i.v. - P.IVA, C.F. e CCIAA di Milano IT06933670967 - REA MI-1924178 tel. +39 02 64741433 - fax +39 02 64741494 Società sottoposta alla direzione e coordinamento di Triboo Spa - all rights reserved - Viale Sarca 336, Edificio 16 - 20126 - MILANO (MI) - Capitale Sociale Euro 28.740.210,00 i.v. . P.IVA 02387250307 - codice fiscale e numero iscrizione al registro delle imprese CCIAA MI: 02387250307.
Managed by Leadoo S.r.l.