La differenza tra mutuo e prestito

differenza tra prestito e mutuo

Sono quattro le principali differenze tra mutuo e prestito: la durata, l’importo, lo scopo e la necessità di garanzie.

Il mutuo, come definito dalla Banca d’Italia, è

“Un finanziamento a medio-lungo termine, che in genere dura da 5 a 30 anni. Serve per acquistare, costruire o ristrutturare un immobile, in particolare la casa di abitazione. Di solito il cliente riceve l’intera somma in un’unica soluzione e la rimborsa nel tempo con rate di importo costante o variabile. È chiamato “ipotecario” perché il pagamento delle rate è garantito da un’ipoteca su un immobile. Può essere concesso dalle banche e da altri operatori finanziari”.

In generale, quindi, proprio perché viene utilizzato per un acquisto di grande entità, come appunto un bene immobile, l’importo concesso dalla banca è ingente, anche se non supera l’80% del valore dell’immobile da acquistare, valore stabilito in base alla perizia effettuata da un esperto. Quando il mutuo supera l’80% del valore dell’immobile, la banca richiede maggiori garanzie e spesso applicano condizioni meno favorevoli per il cliente. Per accendere un mutuo, quindi, non basta avere un contratto di lavoro, un reddito dimostrabile, un garante, come per richiedere un prestito (sebbene per quest’ultimo non sia sempre necessario fornire tutte queste garanzie). Per tutelarsi rispetto ai possibili inadempimenti del mutuatario la banca esige anche un’ipoteca.

Generalmente la rata del mutuo non dovrebbe superare un terzo del proprio reddito disponibile, e, quando si va a calcolare l’ammontare che si dovrà restituire alla banca a fronte del capitale ricevuto, occorre tenere conto che la principale componente del costo è costituita dagli interessi, che sono il compenso per il prestito erogato e dipendono anche dalla durata del mutuo. A parità di importo del finanziamento e di tasso di interesse, quanto più breve è la durata, tanto più alte sono le rate, ma più basso è l’importo dovuto per gli interessi; quanto più lunga è la durata, tanto maggiore è l’importo dovuto per gli interessi ma più basse le rate. Agli interessi si aggiungono altri costi, nonché le spese notarili e le imposte, da pagare una sola volta al momento della stipula del contratto di acquisto della casa. Se, ad esempio, si contrae un mutuo di 15 anni per un importo di 145 mila euro con un tasso fisso del 5,3%, la rata mensile è di 1.169 euro e gli interessi complessivamente pagati sono pari a 65 mila euro. Se la durata è trentennale, la rata mensile sarà pari a 805 euro ma gli interessi complessivamente pagati saranno maggiori (145 mila euro).
Una buona notizia, per chi acquista la prima casa, è che si può usufruire di sgravi fiscali: si può, ad esempio, detrarre parte degli interessi dalle tasse.

Il prestito rientra nel novero del cosiddetto credito al consumo ed è un finanziamento per acquistare beni e servizi – un’auto, un elettrodomestico, un corso di lingue – oppure per affrontare situazioni in cui è necessario disporre di denaro liquido.
Si comprende quindi, che la prima differenza, rispetto al mutuo, è la minore entità dell’importo: il prestito può andare da 200 a 75.000 euro e può essere concesso, oltre che da una banca o da una società finanziaria autorizzata, anche da un fornitore di beni o servizi quale il negoziante o il concessionario auto, nell’ambito del cosiddetto “prestito finalizzato”.
Un’altra differenza è rappresentata dalla durata del prestito, che generalmente non supera i 10 anni, e dal fatto che quando si chiede un prestito personale non è necessario indicare lo scopo per il quale si richiede la somma.
Inoltre, il prestito non prevede sgravi fiscali come avviene per il mutuo e, rispetto a quest’ultimo, viene concesso in un tempo molto minore, generalmente tra le 24 ore e i 15 giorni.

I nostri partner

Istituti presenti su internet con offerte legate a prestiti e finanziamenti.
(L’elenco è indicativo e non esaustivo, non tutte le finanziarie hanno una relazione con Finanziamenti.it)

Triboo Media s.r.l. (società socio unico) - Viale Sarca 336 - Edificio 16, 20126 Milano (MI) Cap. Soc. 1.250.000,00 euro i.v. - P.IVA, C.F. e CCIAA di Milano IT06933670967 - REA MI-1924178 tel. +39 02 64741433 - fax +39 02 64741494 Società sottoposta alla direzione e coordinamento di Triboo Spa - all rights reserved - Viale Sarca 336, Edificio 16 - 20126 - MILANO (MI) - Capitale Sociale Euro 28.740.210,00 i.v. . P.IVA 02387250307 - codice fiscale e numero iscrizione al registro delle imprese CCIAA MI: 02387250307.
Managed by Leadoo S.r.l.