Bitcoin: con la moneta virtuale si può acquistare casa

acquisti con bitcoin

È possibile utilizzare anche i bitcoin per acquistare casa. I bitcoin costituiscono una valuta virtuale, nata nel 2009, che subito è stata investita da uno sviluppo straordinario. È arrivata addirittura a superare il valore dell’oro e questa moneta virtuale è stata scambiata per più di 1000 dollari. Gli stessi esperti ormai si chiedono quali siano i vantaggi e i rischi dei bitcoin. Dobbiamo fare molta attenzione, se decidiamo di utilizzarla per comprare un’abitazione, dovendo essere consapevoli di che cosa tutto ciò può comportare, soprattutto alla luce delle ultime notizie sul rischio bolla.

I vantaggi

In Italia il bitcoin è stato usato per la prima volta per l’acquisto di più di 100 appartamenti in costruzione nel quartiere di San Lorenzo a Roma. Il valore di questa moneta virtuale ha raggiunto livelli incredibili. Secondo il suo stesso significato, molti credono che il bitcoin possa costituire la moneta del futuro. Alcuni esperti sono convinti che nel nostro Paese ci siano moltissimi possessori di bitcoin e che una parte di essi potrebbe decidere di investirli anche nell’acquisto di una casa.

Se è chiaro che cosa sono i bitcoin, dovremmo essere consapevoli anche di come funziona tutto il processo di acquisto attraverso questa moneta virtuale. Gli analisti sostengono che attraverso il suo uso si ha la possibilità di risparmiare sull’acquisto dell’appartamento.

Come è già accaduto nel caso di Roma, la società costruttrice ha offerto degli sconti per chi decidesse di acquistare in bitcoin. Si calcola che i clienti che hanno utilizzato questo sistema avrebbero risparmiato tra i 15.000 e i 45.000 euro per le spese notarili e per quelle di agenzia.

I rischi

Non è detto però che l’uso dei bitcoin possa essere esente da pericoli. Infatti, anche se questa valuta virtuale è cresciuta molto soprattutto nel corso del 2016 e del 2017, molti esperti del settore la vedono più come una forma di speculazione finanziaria. Da considerare anche il problema di sicurezza: ultimamente si sono moltiplicati i malware, attraverso i quali i malintenzionati agiscono per sottrarre interi portafogli. E poi un altro aspetto negativo è costituito dal suo tasso di volatilità molto alto, proprio perché si tratta di una moneta virtuale.

È proprio per questi aspetti che molti Governi hanno deciso di intervenire per regolamentare il settore. L’obiettivo in tutti i casi è stato quello di contenere la speculazione finanziaria. In Cina ad esempio è vietato effettuare operazioni con i bitcoin e gli Stati Uniti vorrebbero imporre su di essi delle tasse, come accade con i titoli finanziari.

Inoltre bisogna ribadire che, secondo il Financial Action Task Force, i bitcoin potrebbero costituire uno strumento nuovo per azioni criminali, per i terroristi e per gli evasori, facilitando la circolazione di fondi illeciti. In Italia le attività che accettano questo metodo di pagamento sono soprattutto al Centro Nord e nelle grandi città.

I nostri partner

Istituti presenti su internet con offerte legate a prestiti e finanziamenti.
(L’elenco è indicativo e non esaustivo, non tutte le finanziarie hanno una relazione con Finanziamenti.it)

Triboo Media s.r.l. (società socio unico) - Viale Sarca 336 - Edificio 16, 20126 Milano (MI) Cap. Soc. 1.250.000,00 euro i.v. - P.IVA, C.F. e CCIAA di Milano IT06933670967 - REA MI-1924178 tel. +39 02 64741433 - fax +39 02 64741494 Società sottoposta alla direzione e coordinamento di Triboo Spa - all rights reserved - Viale Sarca 336, Edificio 16 - 20126 - MILANO (MI) - Capitale Sociale Euro 28.740.210,00 i.v. . P.IVA 02387250307 - codice fiscale e numero iscrizione al registro delle imprese CCIAA MI: 02387250307.
Managed by Leadoo S.r.l.