Assegno circolare: come si compila e perché si utilizza sugli acquisti di valore

assegno circolare

L’assegno circolare è sostanzialmente un titolo di credito nei confronti di un beneficiario. Chi lo emette, ovviamente, è la banca del richiedente. La banca ha un ruolo molto importante perché deve garantire che la somma riportata sull’assegno circolare sia disponibile e che venga riscossa attraverso il conto corrente del suo cliente che è sempre il richiedente. L’assegno circolare non può essere al portatore.

Questo significa che l’assegno circolare dovrà sempre indicare il beneficiario. Tale soggetto può riscuotere l’assegno circolare oppure trasferirlo ad una terza persona attraverso un’operazione che viene comunemente indicata come “girata

L’assegno circolare, in definitiva, deve essere visto come una sorta di promessa di pagamento concreta con la banca che fa da garante per l’operazione. Un assegno circolare deve essere riscosso entra 30 giorni dalla data di emissione.

Assegno circolare, come si richiede

Richiedere un assegno circolare è molto semplice. Il richiedente deve recarsi nella sua banca e compilare un modulo di richiesta indicando l’importo dell’assegno ed il nome del beneficiario. Prima di emettere l’assegno, la banca verificherà la disponibilità liquida del conto corrente del richiedente. Se la somma presente può coprire l’ammontare dell’assegno, allora la banca potrà mettere l’assegno circolare.

Una volta consegnato al beneficiario, l’assegno dovrà essere portato nella sua banca per essere versato all’interno del suo conto corrente.

Assegno circolare, quando si utilizza

Per la sua natura di titolo di credito garantito dalla banca e legato ad un preciso beneficiario, l’assegno circolare è particolarmente indicato per operazioni finanziarie di importo elevato. Per esempio, può essere utilizzato per acquistare immobili, beni come le auto con importi sopra i 10 mila euro, oppure per pagamenti importanti di altro genere.

Gli assegni circolari, infatti, non essendo al portatore, possono essere incassati solo dai beneficiari e quindi sono una garanzia nelle transazioni importanti perché evitano che soggetti esterni possano incassare illegittimamente la somma. Inoltre, essendo emessi dalle banche solo dopo attenta verifica, il beneficiario saprà con certezza che la somma dell’assegno circolare è disponibile ad essere incassata.

Quindi, quando si devono pagare cifre molto elevate l’uso degli assegni circolari è sempre lo strumento migliore perché offre le migliori garanzie di sicurezza e di affidabilità per entrambe le parti, cioè sia per chi paga e sia per chi riceve i soldi.

I nostri partner

Istituti presenti su internet con offerte legate a prestiti e finanziamenti.
(L’elenco è indicativo e non esaustivo, non tutte le finanziarie hanno una relazione con Finanziamenti.it)

Triboo Media s.r.l. (società socio unico) - Viale Sarca 336 - Edificio 16, 20126 Milano (MI) Cap. Soc. 1.250.000,00 euro i.v. - P.IVA, C.F. e CCIAA di Milano IT06933670967 - REA MI-1924178 tel. +39 02 64741433 - fax +39 02 64741494 Società sottoposta alla direzione e coordinamento di Triboo Spa - all rights reserved - Viale Sarca 336, Edificio 16 - 20126 - MILANO (MI) - Capitale Sociale Euro 28.740.210,00 i.v. . P.IVA 02387250307 - codice fiscale e numero iscrizione al registro delle imprese CCIAA MI: 02387250307.
Managed by Leadoo S.r.l.